Uno studio del Rizzoli di Bologna e dell'Alma Mater dimostra che a una impennata delle ricerche sul web, con parole chiave come “febbre” e “tosse”, corrisponde un proporzionale aumento dei contagiati

Source

0
Mi piacerebbe conoscere il tuo parere, inserisci un commento.x
()
x